NAZIONALE BELLUNO FRIULI PADOVA PORDENONE
OGNISPORT del lunedì ROVIGO TREVISO VENEZIA VICENZA-BASSANO
Prima Pagina
Formato Grafico
Edizione odierna
Prima Pagina
Chioggia Cavarzere Riviera D
Cultura & Spettacoli
Estuario
Lettere & Opinioni
Mestre
Mestre Mogliano
Primo Piano
Riviera Del Brenta Miranese
Sandonatese Portogruarese
Sport Veneziano
Tutto Città
Venezia
Archivio arretrati
Ricerca Online
Richiedi numeri arretrati
Rubriche
Meteo
Oroscopo
Bioritmi
Informazioni
Il Gazzettino oggi
La storia
Le redazioni
La pubblicita'
Abbonamenti
Google
Mercoledì, 11 Dicembre 2002

SS. GIOVANNI E PAOLO Festeggiata da oltre cinquanta persone ieri pomeriggio nella casa di riposo
Nonna Gilda a quota 105 anni
Nonostante la venerabile età ha precisi ricordi della guerra e della nascita dei 5 figli
Compleanno da record ieri pomeriggio alla casa di riposo di Ss. Giovanni e Paolo , dove Ermenegilda Carraro ha festeggiato la veneranda età di 105 anni insieme a più di cinquanta persone tra parenti, amici, altri ospiti e il personale. «Da noi, ma probabilmente anche nelle altre case di riposo del centro storico, è la prima a raggiungere un'età così avanzata, nonostante nel solo 2001 ci fossero stati ben cinque compleanni ultracentenari - ha commentato il direttore, Gianangelo Favaretto -. Ciò non può che farci piacere, anche considerato il buono stato di salute della signora Carraro: fino all'anno scorso riusciva addirittura a camminare, e partecipava ai laboratori mattutini e alle attività pomeridiane. La festeggiata, inoltre, conserva ancora oggi il suo carattere forte e la sua grande personalità, proprio come in occasione del centounesimo compleanno, quando si era presentata con la sua borsettina».

Una festa durata più di un'ora e allietata dall'accompagnamento musicale di Paolo Furlan , quella di ieri, che ha letteralmente sorpreso l'ultracentenaria, la quale tra le altre cose ha ricevuto una medaglia d'oro dell'associazione di volontariato "Filo d'argento". «Non mi aspettavo certo un trattamento del genere - ha esclamato "Gilda", come tutti la chiamano affettuosamente -. Il ricordo più bello della mia vita? Sicuramente la nascita dei miei cinque figli, perché per il resto ho sempre dovuto lavorare e affrontare momenti difficili, soprattutto a causa della guerra».

Massimiliano Goattin


Edizione del 11/12 : I II III IV V VII IX XI XII XIII XV XVII XVIII XIX XX XXI XXII XXIII

Edizione Odierna : I II III IV V VI VII IX XII XIII XIV XV XVI XVII XVIII XIX

Nazionale Bassano Belluno Friuli Padova Pordenone Rovigo Treviso Venezia Vicenza
Il Gazzettino oggi La storia Le redazioni La pubblicità

Il Gazzettino On Line 1999 - Informazioni sul sito